Storia (Originale) > 02

  • Colossus [3]
  • Magik
  • Illyana Rasputina
  • Storm
  • Alexei Vazhin
Genere: Super-Heroes

X-MEN

Motherland


Pagine: 12

Pencils
June Brigman
Colors
Lettering




Sinossi:

Tempesta ha portato il suo compagno di squadra, Colosso, a casa. Ha sorvolato il polo, seguendo il Jetstream sud-est attraverso il cuore continentale dell'Unione Sovietica. La loro presenza era troppo piccola per avvertire le stazioni radar di guardia a nord, sempre vigili contro un attacco nucleare dagli americani, come la linea DEW e guardare NORAD per un attacco simile dai russi  Al momento dell’atterraggio, la complessità della geopolitica è l'ultima cosa nella mente di Piotr. Egli è quasi a casa; l'ultima tappa in un viaggio che è, come a lungo anticipato, atteso da lungo tempo. Piotr chiede ad Ororo come abbia fatto un viaggio così lungo con qualcuno del suo peso. Lei gli dice che aveva i venti a favore, ma chiede perché voleva atterrare così lontano dalla sua fattoria, quando avrebbe potuto atterrare vicino. Piotr apprezza l'offerta, ma è stato lontano dalla patria per così tanto tempo, vuole riconquistare la sua sensazione del ritorno, prima di arrivare a casa. Ororo comprende. Lei gli dà un bacio sulla guancia e gli dice che, quando vuole ricongiungersi con gli X-Men, dovrebbe trasmettere il segnale come organizzato in precedenza. Lei prende il volo e Piotr s’allontana. Lui sa che lei capisce che il segnale non potrà mai venire. Piotr raggiunge il suo villaggio. Piccoli edifici  si disperdono attraverso i campi e una chiesa è al centro della scena, e guarda oltre il bestiame. Piotr ama i suoi amici, gli X-Men, e tutte le meraviglie che ha visto e fatto; ma non è mai stato veramente felice nel loro mondo. Appartiene al collettivo Ust-Ordynski;. La prima persona che incontra è colei che raccoglie fiori. Potrebbe forse essere Illyana Nikolovna Rasputina, il piu bel fiocco di neve di tutti. Illyana si gira e salta abbracciando suo fratello. Lui l’afferra e le dice che sta spuntando come una pianta infestante. In poco tempo, lei sarà più alta di lui e pure una giovane pioniere. E 'impressionato. Illyana gli dice di non prenderla in giro. Per molto tempo non le aveva mai scritto  Lei ha scritto molte lettere e lei gli chiede se lui le abbia. Lei chiama  la madre e il padre, e lei si precipita dalla casa con le braccia aperte. La madre le chiede un momento per respirare e suo fratello le da la possibilità di rispondere. Più tardi, la famiglia sta cenando. Alexandra dice che è tutto pelle e ossa, chiedendo se c'è abbastanza da mangiare per un ragazzo che cresce in America. Piotr risponde che non vi è abbondanza e dice che è nello stesso modo di come l’ha lasciato. Illyana guarda una raccolta di immagini che suo fratello ha disegnato, chiedendo se li ha disegnati lui. Sì, risponde, informandola che sono i suoi compagni, gli X-Men. Ammette che non è mai stato bravo con le parole e, invece, preferisce fare schizzi dei suoi viaggi e avventure. Non è una scusa, lui  sa che  lui avrebbe dovuto scrivere molto di più. Ormai  è passato, dice sua madre. Non c'è bisogno di preoccuparsi ora. E 'tornato, sano e salvo. Suo padre, Nicolai, guarda i disegni, tra cui una raffigurazione della Terra Selvaggia. Egli dice a suo figlio che, anche se lui dice che è lo stesso, queste immagini dimostrerebbero che non lo è. La vita che conduce è una  delle storie che usava dire lui e suo fratello, Mikhail, quando avevano l'età di Illyana. Piotr mangia il suo cibo. Suo padre pensa che solo la sua vita è una grande storia. Forse è stato un errore mostrarla loro. Non importa quanto sia fantastica la mia vita, il papà, i miei pensieri erano mai lontano da voi, o da  casa, o dalla Rodina. Nicolai è contento di questo. Il professor Xavier era un uomo potente e persuasivo tanto che ha permesso di lasciar Piotr andare con lui. Egli non può fare a meno di confessare che, da allora, ha avuto i suoi dubbi se sia stato  giusto. Piotr abbraccia sua madre e le dice che sta andando a fare una passeggiata per cercare i suoi vecchi amici, soprattutto Sasha. Nicolai abbassa la testa. Alexandra dice ad Illyana che probabilmente è meglio che lei prenda Piotr. Piotr dice quello che ha detto che era sbagliato. Perché non lo fanno venire fuori e glielo dicono? Illyana lo porta in un campo, dove si erge una croce di legno accanto a una bandiera russa. Piotr si inginocchia davanti alla tomba e abbassa la sua testa. Illyana lo abbraccia. Legge l'epitaffio. Stefan Dimitrovich Goroviev - Età 19 - Ucciso in azione in Afghanistan. Tante croci, da parte della Rodina. Tanti amici, piange Piotr. Illyana gli chiede di non piangere. Egli non deve mai avere paura, perché lei sarà sempre lì per proteggerlo e per farlo ridere. Piotr chiede quando ha fatto il suo piccolo fiocco per trasformarsi  in una tigre Siberiana. Piotr si chiede per un attimo se  Illyana proviene dallo stesso ceppo genetico come lui. Poteva anche essere un mutante? Quale forma avranno i suoi poteri se prendono lei? Riuscirà a essere come lui? I pensieri di Piotr sono improvvisamente interrotti da un rumore . Un guidatore di un’auto-cisterna corre per il villaggio, il suo camionè  pieno di propano in fiamme. Colosso sa che, se le fiamme accendono il gas, l'esplosione devasterà l'intero gruppo. Egli cambia la sua forma corazzata e corre verso di esso. Doveva farlo lontano da qui. Illyana lo segue. Alcuni degli abitanti del luogo usano un tubo per cercare di domare le fiamme, e riconoscere il ragazzo raspa Mutin. Piotr manovra con attenzione il camion, sapendo che anche la più piccola crepa nel serbatoio sarà devastante. Egli porta il camion che bruci, abbastanza lontano dal villaggio in modo che non ci sia  alcun danno reale. Peccato che non arrivi una tempesta pensa. Le sue piogge potrebbero spegnere le fiamme in un istante. Un po’ più tardi, Piotr ritorna al villaggio come  un eroe. La gente del posto lo applaude, ma lui mantiene le distanze finché non si è raffreddato. La sua pelle metallica è di colore rosso riscaldato dalle fiamme. Suo padre getta un secchio d'acqua su di lui, che manda un sibilo come un bollitore. Una volta che si è raffreddato a sufficienza, Illyana lo abbraccia di nuovo e dice che non può aspettare fino a quando lei è grande e brillante come lui. Piotr pensa che lei in realtà sembra desiderosa di manifestare un potere mutante. In qualche modo, egli deve trovare un modo per aiutarla, ma come? Tanto più che il professor Xavier ha apparentemente abbandonato gli X-Men. Il suo pensiero è interrotto da una voce alle sue spalle. Piotr Nikolievitch, le genti di casa possono espiare i tuoi crimini? Si gira e vede Alyosha che si avvicina con la sua gamba destra e un braccio mancante. Gli abitanti del villaggio cercano di calmare Alyosha, dicendogli che questo non è il posto per questi discorsi. Alyosha oscilla la sua stampella per tenerli a bada, ma agisce in modo irrazionale. Egli dice che è ora che la verità venga fuori. Tengono gli uomini come lui, hanno disprezzo dei reduci dell’Afghanistan, ma danno il bentornato ad un cane codardo con le braccia aperte, come se non avesse mai abbandonato la Rodina. In assenza di supporto, cade a terra. Piotr arriva per aiutarlo ad alzarsi, ma Piotr rifiuta il suo aiuto. Si può gestire da solo, e soprattutto senza l'aiuto di quelli come lui. Illyana dice a Alyosha che non è giusto. Ciò che Piotr ha appena fatto con il camion non era l'atto di un codardo! Alyosha dice che è suo dovere, come  sorella, di difenderlo, così come lo è la sua per chiedere di sapere dove si trovava quando la Rodina avesse bisogno di lui. Tutti coloro che sono stati chiamati a servire hanno fatto il loro dovere; hanno combattuto, e molti di loro sono morti. Ma il loro compagno Colossus è introvabile. Piotr rimane in silenzio,  Alyosha continua a dire che avrebbero potuto utilizzare la sua forza e ripararsi dietro la sua forma corazzata. Con Piotr dietro di loro, avrebbe potuto tornare a casa - vivo e intero! Un commilitone mette le manette ai polsi di Piotr, bollandolo come un disertore e lo denuncia come un traditore dello stato e la gente dell'URSS: lui potrebbe facilmente rompere le manette, ma poi decide di tacere. Alyosha ordina la milizia di fare il loro dovere e portarlo via. Illyana e suo padre non possono che guardare, come Piotr viene portato in un campo militare. Piotr è tornato in forma umana ed è seduto dietro le sbarre. Alyosha informa Piotr che un funzionario del KGB viene a trattare con lui. Piotr indaga sul motivo per cui Alyosha lo odia così tanto. Avresti dovuto essere lì al nostro fianco, quando noi, i tuoi amici, avevamo  bisogno di voi! Piotr dice che non lo sapeva. E’ comodo ignorare, dice Alyosha, chiedendo se ci sono rapporti dell’Afghanistan con l’Occidente. Ha pensato che il presidente Reagan si fosse occupato di loro; insieme ai suoi animali da compagnia Contras. Poi cita la sua visita alla tomba di Sasha. Alyosha è arrabbiato perché i maledetti Mujaheddin non hanno lasciato nulla del corpo di Sasha per seppellirlo. Andrò nella tomba ricordando come ha urlato prima di morire. Alyosha dice a Piotr, che se fosse stato lì, avrebbero potuto avere una buona  possibilità. Egli avrebbe potuto fare la differenza. Il Gulag è troppo poco per lui; nessuna punizione può andare bene per questo crimine, ma Alyosha spera che il KGB faccia  del suo meglio per trovarne una adatta. Piotr rimane in silenzio; più tardi viene portato davanti colonnello Vazhin e una delle guardie chiede se avesse  bisogno di una scorta. Vazhin ribadisce  che non è necessario. E’ sicuro che il giovane non creerà problemi. Poco tempo dopo, Vazhin sta guidando Colossus, da solo, attraverso la campagna. Guida la vettura in una zona tranquilla di terreni agricoli, dicendo a Piotr che ha suscitato alcune passioni giusti dietro di sé. Piotr vuole che non vengano derisi i sentimenti , ma il colonnello Vazhin gli ricorda che lui è un nemico dello stato, quindi non ha diritti. Escono dalla sua auto e Vazhin rimette le manette a Piotr: lui sa che potrebbe romperle, poi però sarebbe accusato . Piotr chiede cosa ne sarà di lui. Sessantaquattro domande, dice Vazhin. Se lui rimane, dovranno agire con un’azione  ufficiale. Egli non può andare nell'esercito, naturalmente, dato che l'uso di esseri di potenza superiore nelle forze armate è severamente vietato da un trattato con gli americani. Piotr non lo sapeva. Vazhin gli dice che non trasmettano esattamente il fatto a tutto il mondo. Egli aggiunge che, a sorpresa, è uno dei  più rari trattati internazionali in quanto è scrupolosamente rispettato da tutte le parti interessate. Ciò significa che Piotr avrebbe dovuto lavorare per operazioni segrete; per lui o qualcuno come lui - o può tornare alla X-Men. Piotr è sorpreso che  lui sia a conoscenza. Vazhin informa Piotr che comanda il 13 ° centro della direzione di Mosca . Il suo obiettivo  è la gente come lui, gruppi come il suo; chi sono, cosa sono in grado di determinare in ultima analisi, anche se non sono una minaccia per la Rodina. Io sono Colosso, un russo, risponde . Se il mio paese ha bisogno di me Vazhin dice che tutti accorrono; ma di tanto in tanto, un uomo in grado di servire al meglio la sua patria lo può fare servendo tutto il mondo. Colosso  è un essere umano e, in tale contesto, tutta la Terra è la sua Rodina. Piotr non sa ciò che è giusto. Vazhin non si occupa di ciò che è giusto; questa è una prerogativa di Dio (e, naturalmente, del presidente). Egli ammette che non ha la competenza. Egli si limita al necessario. Vazhin fa  movimenti verso il collettivo, e dice che il mondo si sta evolvendo, e in fretta. Ammira l'amore di Piotr per il suo paese, ma chiede se la sua casa sia  davvero fra gli edifici in lontananza? La casa è dove si trova il cuore. E 'il ricordo, la sensazione che abbiamo per il nostro paese, come è, e come si sogna che essi possano divenire, portato per sempre nella nostra anima.  Sale di nuovo in macchina, lasciando Piotr in piedi, a dorso nudo, sul ciglio della strada. Lui è dispiaciuto, ma vedrà che le sue lettere raggiungono la sua famiglia; ma egli stesso non può. Ufficialmente, dice Piotr che deve rimanere come i suoi amici che lo hanno denunciato. Piotr dice che i suoi genitori  penseranno sia un traditore. Molto probabilmente, Vazhin ammette. Con tutti i mezzi, si può dire loro la verità e, forse, un giorno gli crederanno , ma fintanto che rimane Colosso , Piotr Rasputin Nikolievitch non può mai tornare in questo posto. Tu sei un eroe ora, la vita più difficile di tutti. Faresti meglio  che ti ci abitui. Torna X-Men, Colosso, è il posto di cui hai più bisogno, dove si può meglio servire la vostra vera Rodina. La, è dove più ti appartiene.

Marta Triggiani

Note e rimandi di Continuity:

1) Rodina è russa per la Patria. 2) La linea DEW (abbreviazione di Distant Early Warning Line) è una catena di sistemi radar e di comunicazione integrata. NORAD è il Comando di Difesa Aerospaziale del Nord America.

Marta Triggiani

Oggetti/Items