Storia (Originale) > 01

Editore Serie Albo Data
MARVEL COMICS Kitty Pryde Agent Of SHIELD (1997) #002 1998/01
  • Contessa De Fontaine
  • Dum Dum Dugan [R]
  • Rigby Fallon
  • Ogun
  • Kitty Pryde
  • Lockheed
  • Wolverine
  • G.W. Bridge

Kitty Pryde Agent Of SHIELD (1997) #002 - Storia 01

Genere: Super-Heroes
Kitty Pryde

The Mission


Pagine: 22

Script
Larry Hama
Pencils
Jesus Redondo
Colors
Lettering




Sinossi:

Kitty Pryde prova a colpire Ogun con un pugno, ma gli passa attraverso: in questo momento il ninja è semplicemente un ologramma, una proiezione virtuale prodotta da un fantasma digitale annidato nei vasti sistemi computeristici dell'elivelivolo. Un fantasma che ha il controllo totale del mezzo: e lo fa capire subito quando fa precipitare l'elivelivolo verso il Ponte di Brooklyn. Nella brusca manovra, Rigby perde l'equilibrio e va a cadere sulla borsa di Kitty da cui si ode uno strano gridolino. La borsa allora si apre e ne esce il draghetto Lockheed, che subito si avvicina a Shadowcat. Ma non c'è tempo per gli abbracci, perchè su uno schermo compaiono Dum Dum Dugan e Valentina Allegro, i quali esortano Kitty a ripristinare al più presto i controlli del timone. La ragazza posa una sua mano su una consolle, ma stavolta l'accesso le viene negato, poichè ovviamente Ogun ha modificato i parametri. Il ninja sottolinea questo, aggiungendo che presto il suo più grande avversario si unirà alla lotta. Ed allora comincerà il vero divertimento. Il soggetto in questione, Wolverine, si sta avvicinando con la sua moto al Ponte di Brooklyn e non può fare a meno di notare l'elivelivolo in picchiata: i suoi sensi ipersviluppati e venti favorevoli gli permettono di percepire la presenza di Kitty Pryde a bordo del mezzo. La sua amica è nei guai e lui deve salire subito a bordo: così, sfruttando un taxi, sale su un cavo percorrendolo a tutta velocità. Nel frattempo Rigby Fallon spiega a Kitty che l'unica alternativa è compiere un override manuale sull'intero sistema, spegnendo tutti i computer. Solo che vi è un unico accesso al mainframe ed è dietro una porta blindata bloccata dal computer. Grazie ai suoi poteri di intangibilità, però, Shadowcat oltrepassa quella porta. Contemporaneamente, mentre l'elivelivolo passa sotto il ponte mancando la collisione di pochi metri, Wolverine salta da esso ed atterra alla perfezione su uno dei ponti del mezzo. Kitty è ormai quasi arrivata al mainframe quando Ogun le si piazza davanti. E stavolta non è un ologramma, ma una manifestazione ectoplasmica di una creatura immorta. Se la ragazza prova ad oltrepassarlo, diverrà sua schiava eterna. All'esterno nel frattempo i problemi non sono terminati: evitata la collisione col ponte, l'elivelivolo si sta dirigendo ora contro un battello pieno di turisti. E il timone è ancora bloccato. Non pensando alle possibili conseguenze, Kitty prova a passare attraverso Ogun: immediatamente un brivido freddo le corre lungo tutto il corpo, come se la sua anima fosse stata ghiacciata e lei stesse precipitando in un vuoto infinito. Tuttavia, con immenso sforzo, riesce ad arrivare al mainframe ed a spegnerlo. Il timone torna a rispondere ai comandi e subito Dugan lo tira all'indietro, facendo salire in aria l'elivelivolo ed evitando lo scontro letale col battello di linea. Shadowcat, stremata, esce dalla sala del mainframe: non si è mai sentita così fredda, sola, piena di disperazione. Lockheed le sale sulla spalla per confortarla. Anche Rigby a modo suo la rincuora, abbracciandola alla vita e dicendole che è stata l'azione più coraggiosa che abbia mai visto. Il momento romantico tra i due viene però interrotto dall'arrivo di Wolverine, guidato fin qui dal suo infallibile olfatto. Kitty fa appena in tempo a spiegargli cosa è accaduto che giunge Valentina Allegro, la quale solo per un istante punta una pistola contro il canadese. Dopotutto è un amico di Nick Fury. Wolverine spiega che Ogun era il suo maestro ed uno dei più grandi spadaccini del suo tempo, solo che ad un certo punto si fece sedurre dal suo lato oscuro. Cercò qualcosa da Wolverine, ma non riuscì ad ottenerla, ed allora pensò di arrivare al suo obiettivo tramite Kitty: dunque impresse la sua psiche su quella della ragazza, le diede la padronanza delle arti marziali e la rese sua schiava. Poi la mandò ad uccidere Wolverine, ma la volontà di Kitty era forte e si rifiutò. In seguito Logan affrontò Ogun un altro paio di volte: ora è un revenant, un essere che sta tra la vita e la morte e che può possedere cose e persone. In quel momento Dugan si mette in contatto dalla sala comandi e chiede a Rigby Fallon di ripristinare i controlli del timone: questo significa dunque cancellare Ogun dai database dei computer. Mentre il ragazzo si immerge nei suoi nuovi compiti, Valentina fornisce a Wolverine una card di agente temporaneo per il periodo in cui soggiornerà sull'elivelivolo. Rigby si avvicina al mainframe e si prepara ad eliminare l'entità: ma improvvisamente Ogun compare sullo schermo del suo computer portatile, ne esce e prende possesso del corpo del ragazzo. Pochi secondi dopo Rigby è nuovamente al fianco di Shadowcat, con Lockheed che gli digrigna contro.

Fabio Volino


Starring

Nel cast

Oggetti/Items