Storia (Originale) > 01

  • Blue Marvel [2]
  • Quasar [3]
  • Captain Marvel [2]
  • Ree
  • Thor [5]
  • Stygian Starbender
  • Punisher [2]
  • Hercules
  • Ereshkigel [2]
  • Eon

Quasar (1989) #042 Storia 01

Genere: Super-Heroes

Quasar

The White Room


Pagine: 22

Pencils
Andy Smith
Colors
Lettering




Sinossi:

Thor ripete a voce più alta la sua richiesta, ma per tutta risposta Blue Marvel tenta di colpire i tre eroi con tre guantoni quantici, che vengono però agilmente evitati. La pedina di Thanos prova allora a fuggire ma, mentre Ercole ed il Cavaliere si recano a liberare Monica Rambeau, Thor intercetta il suo volo e lancia Mjolnnir contro di lui, che solo grazie ad un potente scudo quantico assorbe il devastante impatto. Masterson riparte dunque nuovamente all’attacco, ma viene messo subito in seria difficoltà da numerosi Mjolnir quantici creati da Blue Marvel che lo accerchiano e lo colpiscono ripetutamente senza fornirgli alcuna via d’uscita. Solo che improvvisamente Capitan Marvel sorprende alle spalle Blue Marvel e lo abbranca in una fortissima presa, che fa perdere la concentrazione all’essere e causa la scomparsa dei martelli. Thor allora gli si avvicina e lo abbranca alla gola, agitando Mjolnir, ma con un ultimo sforzo Blue Marvel compie un salto quantico e sparisce alla vista. Ed i Vendicatori rimangono con un pugno di mosche e con una domanda ancora senza risposta: dove si trova Quasar? Un altro luogo, un altro dove: Wendell Vaughn riprende coscienza e riapre gli occhi: davanti a lui una stanza dove ogni cosa (oggetti, persone), a parte alcune piante, è bianca. Si trova seduto davanti ad un immenso tavolo di cui non si vede l’inizio o la fine, accanto a lui altre persone, di numerose razze, anche loro seduti vicino al tavolo. Non si possono compiere molti movimenti all’interno di questa sala, è come essere inchiodati sulle sedie, si riesce a malapena a voltare la testa a destra o a sinistra. Quasar chiede dove sia capitato e l’essere alla sua sinistra gli risponde che si trova nella Stanza Bianca: un essere che in un certo senso Wendell conosce, dal momento che è Glakandar il Tetro Starbender, il primo Protettore dell’Universo ad essere stato scelto da Eon, solo che dovrebbe essere morto. Ed in effetti è così. Allora questa Stanza Bianca è forse l’Aldilà? Glakandar non ha una risposta certa: tutti i presenti in questa sala hanno le loro teorie su questo posto, la maggioranza di essi pensa sia il luogo dove gli spiriti di tutti i Protettori vengono trasportati una volta giunto il loro momento. Ma la donna alla destra di Quasar la pensa diversamente: si chiama Andwella e ritiene che questa Stanza rappresenti l’eterna punizione per la loro presunzione, per aver accettato il compito di Protettore dell’Universo in cambio di un potere illimitato. A suo dire Eon è il male, un diavolo che ha sedotto tutti loro grazie al potere: del resto come è possibile pensare che una sola persona possa proteggere l’intero Universo? Perciò si trovano ora qui, per meditare per sempre sul loro peccato originale. Un altro essere ha però un’altra teoria: questo è il Purgatorio, qui un giorno avverrà la battaglia finale e solo allora verrà deciso se meritano la grazia o la perdizione. Quasar vuole saperne di più e chiede da quanto tempo si trovino qui: nessuno ne ha idea. Wendell chiede allora se vi fosse prima qualcun altro sulla sedia che ora occupa lui: Andwella risponde che è possibile, anche se non ne è certa. Terra: Il Punitore ha appena sterminato alcuni spacciatori di droga che Blue Marvel richiama la sua attenzione. Di fronte alla richiesta di spiegazioni da parte di Frank Castle, il costrutto spiega che ha desiderio di parlare con lui perchè è uno dei buoni che però fa ciò che gli altri eroi si rifiutano di fare, cancellare per sempre il crimine dalla faccia della Terra. E per ciò è un uomo ricercato, esattamente come lui: dunque perchè non unire le forze? Il Punitore insegnerebbe a Blue Marvel tutto ciò che sa sul mondo della criminalità, mentre il lacchè di Thanos diventerebbe il suo apprendista e lo aiuterebbe nella sua crociata contro i malvagi. Di fronte a questa richiesta il Punitore volta le spalle all’essere e se ne va senza aggiungere una parola, ma Blue Marvel non ha affatto intenzione di demordere. Pianeta Scadam: Mentre vagano per questo pianeta, Kayla ed Holly trovano un sopravvissuto alla battaglia: l’ex segretaria gli si avvicina e scopre che costui è Durgan, il reggente del pianeta, colui che l’ha portata qui per poterne sfruttare le potenzialità. Nonostante ciò, è stata una causa persa sin dall’inizio. Detto questo, Durgan esala il suo ultimo respiro. Ciò provoca l’ira di Kayla: senza di lui non hanno alcuna idea di come tornare a casa, sono bloccate qui! La rabbia della ragazza si concretizza in una enorme sfera energetica che cresce sempre più e, una volta rilasciata, annienta l’intera Flotta Nera! Stanza Bianca: Improvvisamente una pianta presente sul tavolo davanti a Quasar si anima ed assume la forma di... Eon! Pur essendo il suo corpo ancora morto, il suo spirito sopravvive nel cuore di Infinità. È giunto qui per aiutare Wendell: ha il potere di salvarlo, se lui lo desidera. Tutto ciò che deve fare è estinguere il suo spirito: è colpa dell’essere cosmico, infatti, se Quasar si trova qui ora, se non lo avesse eletto Protettore dell’Universo non avrebbe mai sofferto così tanto. Gli si avvicinerà di modo che Wendell possa mordergli la gola: i suoi denti penetreranno l’essenza di Eon, il cui spirito si dissolverà sotto forma di sangue. Così il mentore cosmico avrà finalmente la giusta punizione per i suoi passati errori. Quasar però non intende saperne: ha già ucciso il corpo di Eon, ma stavolta non vi è la salvezza dell’Universo in gioco. È un Protettore, non un Uccisore, deve trovare un modo per liberarsi senza ammazzare nessuno. Eon ribadisce la sua richiesta, afferma che è l’unico modo che Wendell ha per andarsene da qui, ma l’eroe rifiuta ancora: nessuno dovrà più soffrire per la sua salvezza. Ed Eon torna ad essere una pianta. Terra: La pur breve conversazione con Blue Marvel ha rallentato la fuga del Punitore, che ora non può più raggiungere il suo furgone in quanto l’intero edificio è circondato dagli uomini della SWAT. Gli agenti sfondano la porta e si preparano a sparare contro Castle, che viene però protetto da Blue Marvel, il quale per l’occasione è rivestito di un’armatura quantica, e disperde i poliziotti grazie ad un raggio energetico. In breve tempo Blue Marvel scopre altri uomini della SWAT, che non rappresentano alcun problema per lui, infatti se ne sbarazza in pochi secondi. E così la via di fuga per il Punitore è stata approntata. Stanza Bianca: Come Eon svanisce, un angelo compare davanti a Quasar: è l’Angelo della Vendetta, nella sua mano destra imbraccia una spada fiammeggiante. È qui perchè l’eroe è stato ucciso da un essere di pura malvagità, che deve pagare per questo crimine: basta che Quasar ne pronunci il nome e l’Angelo della Vendetta calerà la sua spada su di lui. Ma Wendell non è interessato a ciò: non vuole che venga sparso sangue in suo nome, tutto ciò che vuole è andarsene da qui. Terra: Blue Marvel è certo che ora, dopo aver dimostrato le sue capacità, il Punitore lo accetterà come spalla. Ma Castle lo delude: questi poliziotti sono innocenti, stavano solo facendo il loro lavoro, se scopre che anche uno solo di loro è morto rintraccerà Blue Marvel e lo ucciderà. E detto questo ritorna al suo furgone. Il costrutto non riesce a credere a quanto ha appena sentito: quanta arroganza da parte di un infimo essere. Ma non ha il tempo di sfogare la sua rabbia in quanto subito dopo davanti a lui compare un’immagine olografica di Thanos: il Titano riferisce che ha appena scoperto che qualcuno sta cercando di far resuscitare Quasar, un evento in grado di minacciare la posizione di Blue Marvel nell’Universo. Thanos gli darà perciò le coordinate perchè la sua pedina si occupi una volta per tutte di Quasar. E così Blue Marvel compie un salto quantico, un secondo prima che il martello di Thor lo centri in pieno volto. Stanza Bianca: L’Angelo della Vendetta sta ancora tentando di convincere Wendell quando Blue Marvel compare davanti a lui e, con un cannone quantico, ne disperde l’essenza. Solo la spada fiammeggiante rimane lì a testimonianza del suo passaggio. Poi Blue Marvel si para davanti a Quasar: ora è lui il nuovo Protettore dell’Universo e si accerterà personalmente che il precedente resti definitivamente morto.

Fabio Volino


Starring

Guest-Starring

Oggetti/Items